Pasqua nel Verde: 1,5 milioni di italiani scelgono l’Agriturismo

Le festività pasquali diventano un’occasione per (ri)scoprire piatti locali e ricette tradizionali.

Terranostra, l’associazione ambientalista di Coldiretti, rivela che sotto le feste di Pasqua e Pasquetta si raggiungeranno un milione e mezzo di presenze in Agriturismo tra pernottamenti, pranzi e visite.

Il 65% degli italiani ha deciso di “ricaricare” le batterie assaporando i gusti della cucina tradizionale e passando del tempo all’aria aperta.

Ancora una volta sarà la natura, quindi ad essere la meta preferita con oltre 300.000 persone che hanno scelto i ristori con menù sostenibili a km zero per stare in compagnia.

Le stime parlano di un pernottamento medio di due notti. Numeri diversi per gli oltre 150.000 stranieri, in prevalenza tedeschi, svizzeri, olandesi, francesi e statunitensi, che invece rimarranno presso le strutture agricole almeno quattro giorni.

“Il turismo nelle aziende agricole e nelle aree rurali sta vivendo un periodo di grande fermento e innovazione – conferma la presidente di Terranostra Dominga Cotarella – Con Campagna Amica stiamo costruendo una rete nazionale di esperienze nelle aziende agricole che non solo ha lo scopo di accrescere la presenza di turisti nelle aree rurali, ma anche contribuire a rendere più attrattiva l’offerta turistica del nostro paese grazie alla promozione di territori, bellezze naturalistiche, architettoniche, buon cibo, prodotti enogastronomici di eccellenza ed esperienze contadine autentiche che sono una grande ricchezza italiana”.

Coldiretti e Terranostra sostengono che questa “ondata verde” è spinta dal desiderio di riscoprire il patrimonio storico, culturale e ambientale dei piccoli borghi che, sebbene ospitino appena il 16% della popolazione nazionale, rappresentano il 70% del numero totale dei comuni italiani e ben il 54% dell’intera superficie italiana.

Toscana, Trentino e Lombardia tra le mete più ambite.

© riproduzione riservata